Premio John Fante Opera Prima – VI Edizione

 

FEDERICA TUZI VINCE IL PREMIO LETTERARIO “JOHN FANTE OPERA PRIMA 2011”

con il romanzo

“Non ci lasceremo mai” (Lantana)

Si è concluso alla presenza del Sindaco di Torricella Peligna, delle istituzioni locali patrocinanti e di numerosi torricelliani, il Premio letterario “John Fante Opera prima”, appuntamento d’apertura della sesta edizione del Festival                            “Il dio di mio padre”. La giuria del Premio, composta da Giulia Alberico, Masolino d’Amico e Francesco Durante, ha presentato al pubblico i finalisti selezionati: “Un giorno verrò a lanciare sassi alla tua finestra” di Claudia Durastanti (Marsilio),“L’anno delle ceneri” di Giuseppe Schillaci (Nutrimenti), “Non ci lasceremo mai“ di Federica Tuzi (Lantana Editore). Tra questi la Giuria popolare ha assegnato a Federica Tuzi il Premio, che le è stato consegnato dai figli di John Fante, Victoria e Dan.

Stanca di rispondere alla domanda «sei maschio o femmina?» che la perseguita da quando è una bambina, Alessandra, brava a scuola ma adolescente in guerra con la famiglia, la società e il proprio corpo, prende la decisione di cambiare sesso e si avventura così nel mondo dei trans, degli ormoni e delle falloplastiche. In testa ha un solo modello: Japhy, l’eroe de I vagabondi del dharma. Nel frattempo si innamora – ricambiata – di una sedicenne «open minded», grazie alla quale capisce che non desidera affatto diventare un uomo. Ma i genitori della ragazza ostacolano violentemente la loro storia e Alessandra non trova altra soluzione che andarsene: in un viaggio on the road negli Stati Uniti incontrerà altre lesbiche, altre esperienze, stili di vita alternativi, e alla fine anche se stessa. Sorretto da un’ironia lieve e sincera, questo romanzo di formazione ha un sapore picaresco e il ritmo di un racconto sincero reso tutto d’un fiato. Mescolando con grazia elementi disparati – dalle butch di New York alla new age californiana – la narrazione coinvolge e sorprende pagina dopo pagina, rendendo Alessandra un personaggio che è impossibile non amare.

«Un esordio italiano di insolita felicità…divertente e commovente come una di quelle commedie americane in cui ci rifugiamo quando la vita ci sembra troppo spaventosa». Elena Stancanelli, La Repubblica

«Non ci lasceremo mai di Federica Tuzi, ovvero la libertà di cercare se stessi, vero, ironico, spassoso». Mirella Appiotti, Tuttolibri

«Federica Tuzi (filmaker, sceneggiatrice, scultrice) con la penna sa dar voce al diritto di essere quello che ci pare, senza sensi di colpa». Carlotta Vissani, RollingStone
«Il libro riflette sulla possibilità di farcela quando tutto sembra andare a rotoli». Nòva- Il sole 24 ore

 

ULTIME NEWS

John Fante Festival 2023, il racconto

La XVIII edizione del John Fante Festival ha ricordato i i 40 anni dalla morte di John Fante e per l’occasione ha raddoppiato  il suo appuntamento in due diversi momenti, dal 28…